Lo scontrino dove si butta?

Lo scontrino fiscale non si butta nel cestino della carta. Questa informazione potrebbe sembrare stonata, considerando che oggettivamente si tratta di carta, eppure è così. Gli scontrini fiscali sono composti da una speciale carta termica e da altre sostanze che reagiscono al calore e creano problemi nelle fasi del riciclo, ecco perché il bidone giusto è quello dei rifiuti indifferenziati.

Come ricorda Comieco, il Consorzio nazionale del recupero e del riciclo degli imballaggi a base cellulosica, esistono diverse tipologie di carta utilizzata per gli scontrini. Vediamo le più comuni.

La carta termica è quella della maggior parte degli scontrini fiscali. Presenta delle componenti che reagiscono al calore e provocherebbero un forte scurimento del materiale in fase di riciclo, quindi non vengono riciclate. Potete fare la prova del nove provando a scaldare lo scontrino senza brucialo e vedere in diretta la carta annerire.

Le carte chimiche sono poco utilizzate per gli scontrini fiscali, ad esempio appartengono a questa tipologia la vecchia carta carbone e quelle caricate con capsule contenenti inchiostri; siccome in fase di riciclo si presentano gli stessi problemi della carta termica anche in questo caso il cestino dei rifiuti indifferenziati è quello giusto.

La carta normale delle fatture, delle ricevute o degli scontrini stampati con una stampante normale, invece, vanno nella raccolta della carta.

Tutte le volte che togliamo gli scontrini fiscali dalle tasche dei vestiti, dalle borse, dai sacchetti della spesa, dal portafoglio e così via dobbiamo ricordarci di gettarli nel cestino dell’indifferenziata.

Rimanendo in tema di scontrini fiscali, dal primo luglio 2019 i negozi medio-grandi (con volumi superiori ai 400mila euro), dovranno emettere scontrini digitali e mandarli direttamente all’Agenzia delle entrate a fine giornata. Poi da gennaio 2020 l’obbligo scatterà per tutti gli altri negozi. Questa novità interessa solo i negozianti, infatti, noi consumatori continueremo a ricevere lo scontrino di carta… da gettare nel cestino dei rifiuti indifferenziati.

Anna Simone

 

Neo genitori, azioni green e non!

Felicity e Marco, travel blogger nonché neo genitori, sono gli ospiti settimanali della rubrica Interviste green. Sia per lavoro, sia per raggiungere la famiglia di lei prendono spesso l’aereo, mentre in casa durante le docce giornaliere l’acqua scorre a gogò e le luci rimangono accese nelle stanze che non usano. Però si danno un bel sette in materia di greenitudine… mmm è troppo, no?!!!

marco e felicity allegri

Nome: Felicity e Marco

Professione: Travel blogger per Non solo Turisti e Thinking Nomads , e da qualche mese siamo anche alla nostra prima esperienza come genitori!

In generale nella vita quotidiana non potete fare a meno di: usare internet, dalla mattina fino alla sera tardi … uno degli (s)vantaggi di essere freelance.

Scheletro nell’armadio non-green: usare troppa acqua calda per la doccia.

Grado di greenitudine: Buono

Gesti green: Raccolta differenziata anche durante i nostri numerosi viaggi. Inoltre, cerchiamo di usare sempre (dove possibile) i mezzi pubblici per spostarci, sia in Italia sia negli altri Paesi.
L’auto che abbiamo è comunque a GPL, che dovrebbe inquinare meno della benzina o del diesel, giusto?! Mentre, durante le giornate primaverili ed estive usiamo spessissimo la bicicletta, che va fa bene all’ambiente e combatte i possibili chiletti di troppo!!! Continua a leggere “Neo genitori, azioni green e non!”

Vita green di un ingegnere con l’anima blogger

Laura Renieri, ingegnere per professione e blogger per passione, è l’ospite settimanale della rubrica interviste green. Sembra metta in pratica molti comportamenti eco friendly, da una scrupolosa raccolta differenziata- anche quando si tratta di farmaci- ai lavaggi in lavatrice a basso consumo. Però ha un super debole per l’auto, che utilizza per ogni minimo spostamento!

laura ranieri

Nome: Laura Renieri

Professione: ingegnere e blogger

In generale nella vita quotidiana non puoi fare a meno di: mangiare e leggere

Scheletro nell’armadio non green: l’utilizzo dell’auto anche per spostamenti di breve durata Continua a leggere “Vita green di un ingegnere con l’anima blogger”

Vita green di una digital pr!

La rubrica Interviste green questa settimana ha come ospite Raffaella Amoroso – per tutti La Raffa- digital pr, blogger e copywriter. Pare che sia pigra, che  non possa fare a meno del cibo (voce tra l’altro confermata da molti!), e che pecchi in campo ambientale per via delle infinite docce bollenti al limite del sopportabile!

raffaella amoroso

Nome:  Raffaella Amoroso

Età: 32

Professione: socio fondatore di ART-Sharing, digital PR, blogger @The Coloured Sauce e Feel the Yarn

Segni particolari: multitasking e potenzialmente ordinata.

In generale nella vita non puoi fare a meno di: cibo, libri, iPhone e shampoo.

Scheletro nell’armadio non-green: faccio docce infinite con acqua bollente al limite del sopportabile! Continua a leggere “Vita green di una digital pr!”