EcoPostCard, cartoline originali super green

Hanno inventato delle cartoline molto green: si chiamano EcoPostCard e hanno la particolarità di contenere semi, che una volta inumiditi fioriscono.

gadget-ecologico-ecopostcard

Si possono usare come gadget ecologici per promuovere un’azienda o un prodotto, come souvenir, come cartoline turistiche, oppure come biglietti d’auguri per le occasioni più varie.
Le possibilità di passare inosservati mi sembrano quasi nulle e poi si prendono “due piccioni con una fava”, considerando che si contribuisce a inverdire l’ambiente.

Come funzionano

  • Incidi e togli il disco di carta tratteggiato al centro della cartolina.
  • Rimuovi la garza protettiva, mantenendo la cialda di torba all’interno;
  • Bagna la cialda di torba con poca acqua più volte al giorno, aiutandoti con un cucchiaino, un contagocce o il tappo di plastica delle bottiglie. Mantieni la terra umida tutti i giorni, bastano poche gocce d’acqua più volte al giorno, tutti i giorni, per favorire la germinazione dei semi e tenendo la piantina davanti a una finestra per farla germogliare rigogliosa.

Continua a leggere “EcoPostCard, cartoline originali super green”

Idee regalo: regala un albero con Treedom

Quante volte sarà capitato di domandarci “Cosa posso regalarle/regalargli?”
Da qualche tempo è nata una piattaforma che trovo di grande aiuto: si chiama Treedom e permette di piantare un albero con un click.

treedom

Qualche giorno fa è stato il compleanno della mia amica Serena, così ho pensato di abbinare al pensiero “convenzionale” un alberello. Sono andata su Treedom, ho scelto l’albero (nello specifico la Grevillea, perché cattura molta CO2), l’ho acquistato e, in ultimo, ho scritto la mail di Serena per farle avere le info sull’albero (dove è stato piantato, come seguirne la crescita, cosa simboleggia eccetera).

Gli alberi vengono piantati per davvero dai contadini del circuito Treedom che se ne prenderanno cura per sempre. Dove? In varie parti del mondo e, per vedere esattamente dove si trovano, ciascuno viene fotografato e geolocalizzato dal contadino che lo pianta; per quest’ultimo ogni singola piantumazione è l’inizio di un lavoro, lo strumento per produrre cibo per sé e i propri cari e un modo per migliorare l’habitat in cui vive.

Regaliamo e regaliamoci alberi,

Anna Simone

Idee regalo green, cosa desidera EcoSpiragli per Natale!

Pare che trovare un regalo che possa piacermi sia complicato: naturalmente non la penso in questo modo, tuttavia ho pensato a delle cose che vorrei avere per  Natale ed è saltato fuori che non sono tutte sostenibili, del resto anche io ho più di un difetto!

idee regaloPrimo

  • In cima alla wish list ci sono le calzamaglie in bambù e quelle in lana, possibilmente con un’alta percentuale di questi tessuti e con una bassa percentuale di elastan (meglio di brand sostenibili). Il bambù e la lana sono l’ideale per combattere il freddo, mentre l’elastan serve per farle aderire alle gambe 🙂 Sono molto freddolosa, in compenso amo il caldo dell’estate, sto benissimo senza condizionatore!

Secondo

  • Sulla strada di Francesco De Gregori e Sotto casa di Max Gazzè, due tra i miei cantanti preferiti.

Terzo

Natale green, ecco come

Natale uguale consumismo all’ennesima potenza: non più, ci ha pensato la crisi economica a spazzare via questo infelice binomio! Ma oltre a consumare meno si può consumare meglio, ovvero orientare in chiave green le azioni personali che ruotano attorno al periodo natalizio. Come? Il Wwf ha stilato un dec-albero con dieci consigli pratici.

 ECO NATALE

Addobbi

1.  Scegliere un albero del posto oppure uno derivante da materiali riciclati

2. Le luminarie sono amesse, purchè siano a basso consumo

 Cenone

Continua a leggere “Natale green, ecco come”

Avete mai adottato un ulivo? Io…

Ho ricevuto in regalo l’adozione di un albero d’ulivo pugliese 🙂 Il più bel regalo degli ultimi mesi arriva da Gabriele Buo dell’Albergo Ristorante Il Giardino, a Rodi Garganico. E’ questo della foto, un leccino da cui si ricava olio extra vergine eccellente!

In concreto con l’adozione sono diventata una coltivatrice virtuale (perché contadini del posto si prenderanno cura dell’ulivo con tanto di potatura e raccolta delle olive) ma consumatrice reale visto che mi arriveranno i prodotti della pianta! Insomma un po’ di sapori e profumi pugliesi tra poco busseranno alla porta.

L’iniziativa è dell’albergo ristorante Il Giardino a Rodi Garganico ed è aperta a tutti, nel senso che chiunque può adottare una o più piante del loro uliveto.

Come funziona:

Continua a leggere “Avete mai adottato un ulivo? Io…”